PUTEI DEL PO

Omaggio al poeta Romano Pascutto, nel centenario della nascita. Opera commissionata dal Comune di San Stino di Livenza (VE)
Compositore
Walter Bonadè
Arrangiatore
-
difficoltà
3,5
durata
8'20
formazione
Concert Band
Editore
Scomegna Edizioni Musicali
formato
Partitura e parti formato concerto
Codice Prodotto
ES B1202.20
Registrato sul CD
GUARDA E ASCOLTA
Descrizione
Direttamente ispirato all'omonima poesia di Romano Pascutto, il brano ''Putei del Po'' celebra il centenario della nascita del poeta, traducendo in suoni, ora duri e contrastanti, ora dolci e sognanti, i bellissimi versi con i quali Pascutto ha saputo descrivere la triste situazione di secolare miseria in cui versava molta della popolazione veneta alla metà del secolo scorso, versi in cui i bambini, con le loro rinunce, le loro paure, ma anche le loro speranze, diventano l'icona di un'umanità vittima delle ingiustizie del mondo.
Il brano inizia con una breve introduzione dalle sonorità aspre e concitate, che raffigurano la durezza della vita. Rapidamente interviene il tema principale, toccante, triste, quasi rassegnato: ''…putei del Po, co' i oci sbigottii, pieni di paura''.
Alternandosi a brevi richiami dell'introduzione, il brano giunge all'esposizione di un tema dal carattere infantile, inserito in un contorno dissonante e molto ritmico a descrivere la spensieratezza dei bambini che non trova mai un vero compimento a causa delle difficoltà della vita quotidiana: ''…pieni di paura de l'acqua e de la vita, col so arzene de miseria che mai se rompe, da secoli.''.
Ritorna per l'ultima volta il tema principale, in un crescendo che fa pensare alla speranza e alla rottura dell'argine del fiume come simbolico superamento di un mondo dove l'ingiustizia impediva persino ai bambini di sorridere, fino a quando si risente il tema infantile del girotondo, questa volta sereno, giocoso: ''…ve vedaremo, putei, co' i oci che ride…le manine ciapade in girotondo…cantar la vostra primavera''.
Il tema conclusivo lentamente si dissolve, perché quanto raccontato ormai non è che il ricordo di un tempo passato, un ricordo che però ancora vive in molti dei bambini di allora, ora nonni e testimoni viventi di un'epoca, i quali vedendo come il benessere di oggi abbia però cancellato molti dei valori umani che costituivano la vera ricchezza di quei tempi, forse provano una punta di nostalgia.
Ed è per questo che negli ultimi istanti del brano ricompare rapido e beffardo il tema della vita, quasi un ammonimento all'uomo di oggi.
Prezzo: 119,50 €
Disponibilità  immediata
Aggiungi una recensione

consigliati