#tuttinsieme

Medley marciabile con temi tratti dalle opere liriche
Compositore
Lorenzo Pusceddu
Arrangiatore
-
difficoltà
2,5
durata
2'40
formazione
Concert Band-Fanfara
Editore
Scomegna Edizioni Musicali
formato
Partitura A4 (21 x 29,7 cm) e parti librettabili A5 (19,5 x 14,2 cm)
Codice Prodotto
ES B1576
Contiene
Temi da Guglielmo Tell (Gioacchino Rossini), L'elisir d'amore (Gaetano Donizetti), Ernani (Giuseppe Verdi), La Gioconda (Amilcare Ponchielli), La Traviata (Giuseppe Verdi) e Aida (Giuseppe Verdi).
GUARDA E ASCOLTA
Descrizione
Raccogliendo l’idea di Giacomo Spiller, vice presidente dell’ARBAGA Piemonte, di proporre, attraverso una semplice marcia, un'immagine unificativa nazionale per una simbolica ripresa delle attività musicali bandistiche, l’autore ha deciso di fondere alcuni temi lirici dei più noti operisti italiani, in un medley marciabile. Un'attenzione particolare è stata posta nella strumentazione e nel grado di difficoltà, in modo da consentire l'esecuzione anche alle piccole formazioni. I temi utilizzati, che sono stati all’occorrenza semplificati ma senza snaturarne la riconoscibilità, sono tratti dalle seguenti opere: Guglielmo Tell (Giaocchino Rossini), L'elisir d'amore (Gaetano Donizetti), Ernani (Giuseppe Verdi), La Gioconda (Amilcare Ponchielli), La Traviata (Giuseppe Verdi) e Aida (Giuseppe Verdi).

La marcia #tuttinsieme è inserita nel progetto “La Musica Riparte in Sicurezza”, avviato nel corso del 2020, sostenuto dal Ministero della Cultura e patrocinato dalla Regione Piemonte, finalizzato ad accompagnare e supportare le bande musicali nel terribile frangente della sospensione delle attività musicali in presenza a causa dell’emergenza covid-19.

Si è scelta la “marcia” perché le bande, appena sarà possibile, potranno eseguirla anche all’aperto, non dai balconi, ma proprio nelle vie e nelle piazze dei loro paesi, magari in riva al mare o nel cortile di un castello, riportando allegria e serenità alla gente, ritrovando, in condizioni di sicurezza, il piacere di suonare nuovamente insieme. Da qui il titolo, #tuttinsieme, con il simbolo # a ricordare le tante ore passate forzatamente sui social, un simbolo caro ai giovani musicisti che sono stati purtroppo i più colpiti da questa sospensione con lunghe ore solitarie di didattica a distanza. L’idea iniziale della marcia è stata condivisa con 40 formazioni musicali, 20 piemontesi e 20 italiane, una per ogni Regione d’Italia. Tutte hanno risposto con entusiasmo, sottoscrivendo l’impegno a promuovere il progetto sul loro territorio, dimostrando come la musica possa farci sentire uniti e orgogliosi di essere italiani.

L’autore, Lorenzo Pusceddu, ha avuto la formidabile intuizione di inserire richiami a compositori che rappresentano geograficamente l’intera Nazione, da nord a sud, collegando nel brano celebri arie di opere liriche che hanno reso famosa l’Italia in tutto il mondo. Si vuole ripartire proprio da qui, dalle nostre tradizioni, dal nostro patrimonio storico e musicale, nella speranza che anche tanti musicisti connazionali, che oggi vivono e suonano in formazioni all’estero, possano provare il piacere di sentirsi un po' più vicini a casa facendo eseguire alle loro bande e orchestre questo semplice brano.

La Casa editrice Scomegna ha accettato la proposta di distribuire il brano in free-download per far sì che lo stesso possa avere massima diffusione e possa essere scaricato, studiato e suonato da tutte le formazioni musicali italiane e non solo.

La registrazione presente sul sito può essere liberamente utilizzata per lo studio del brano ed è stata eseguita da una selezione di componenti della formazione InCrescenDo, diretta dal Maestro Fabio Portè, unendo registrazioni singole, nel pieno rispetto delle disposizioni di sicurezza imposte dal periodo emergenziale.

Il disegno in copertina è stato realizzato da Cristina De Carlo e condensa in modo evidente tutte le intenzioni sottostanti al progetto. La mascherina, con il tricolore, è simbolo di prevenzione e di patriottismo. Sotto alla mascherina bianca spunta la nostra Italia, dal Monviso fino al mare, con le note che escono e portano colore e allegria.

L’ARBAGA Piemonte ringrazia quanti hanno aderito a questo progetto, e quanti lo faranno in seguito, con l’augurio che la tradizione musicale bandistica italiana possa quanto prima tornare a ricoprire quel fondamentale ruolo culturale, sociale e turistico che da sempre la contraddistingue.

Aggiungi una recensione

consigliati