GOLDEN SUITE

Compositore
Lorenzo Pusceddu
Arrangiatore
-
difficoltà
2,5
durata
7'10
formazione
Concert Band
Editore
Scomegna Edizioni Musicali
formato
Partitura e parti formato concerto
Codice Prodotto
ES B1223.19A
Registrato sul CD
GUARDA E ASCOLTA
Descrizione
In val di Non quando l'acqua del lago di Santa Giustina in primavera comincia ad abbassarsi, ritornano in luce l'antica viabilità ed i ripidi terrazzamenti del vino Groppello. Il tutto dominato dal monte Ozolo che appare maestoso e severo, una vera e propria sentinella sulla fertile Anaunia. Il ricordo della strada dei Regiai è rimasto vivo in coloro che l'hanno attraversata per allontanarsi dal loro paese d'origine in cerca di fortuna. Un viaggio che iniziava con la discesa a valle sulla strada dei Regiai, immersi nei rigogliosi vigneti sostenuti dai muri a secco, veri e propri mosaici di pietra costruiti per rendere meno duro il lavoro nella vigna. E chi partiva rivolgendo lo sguardo per l'ultima volta al paese natio scorgeva l'Ozolo, il monte dell'uomo primordiale, della caccia e dell'amicizia. Si attraversava anche un ardito ponte in pietra, ancora conservato e gelosamente custodito dalle acque del lago che hanno cancellato ettari di vigneti coltivati a Groppello, il vino gagliardo e sincero prodotto da sempre in val di Non. Il nome sembra derivare dalla sua conformazione a "groppo", con grappolo compatto quasi volesse proteggersi dalle marcate escursioni termiche dell'autunno che rendono uva e frutta colorati e dolci come il miele. Dai 50 mila ettolitri di produzione a fine Ottocento agli attuali 500 ettolitri, oggi una trentina di "irriducibili" agricoltori tentano di conservare un autentico patrimonio di gusto e di sapore: è la volontà di trasmettere al futuro un vitigno a rischio di estinzione e di rivivere la fatica di un tempo, quando la terra veniva coltivata a mano, con zappa, badile e tanto sudore. I vigneti di Groppello si estendevano fino ai piedi del Monte Ozolo, poi l'altitudine e le temperature più marcate abbligavano a lasciare il posto a pini, abeti, larici, latifoglie e pascoli, quella vegetazione montana che ha comunque garantito nei secoli materia prima per le case, per il calore invernale e per gli animali domestici. Ma l'Ozolo è stato anche il monte "sacro" d'Anaunia, frequentato dall'antichità e divenuto oggi riserva di caccia e luogo di socializzazione per quei giovani che sanno amare e rispettare la natura.
Prezzo: 111,00 €
Disponibilità  immediata
recensioni
  • Bello Un brano molto bello!! il secondo movimento in modo particolare
    Roberta14 July 2020
Aggiungi una recensione

consigliati